Farmaci sicuri per te

Farmaci sicuri per te

malattia

Ansia


Attenzione! Questa è solo una parte delle opinioni di questo gruppo.
Per il resto, vada a: Attacchi di panico (236)  

Confronta le opinioni sui medicinal utilizzati per il seguente disturbo: ansia


Le ultime esperienze sull'utilizzo di: ansia

3

Gabapentin

26/04/2021 | Uomo | 30
gabapentin
Ansia
Efficacia 3
Quantità effetti collaterali 3
Gravità effetti collaterali 4
Facilità d'impiego 1
Ciao. Anch'io adesso assumo 300 mattina e 300 la sera,e da 2 giorni mi sta portando instabilità emotiva. Con 200 e 200 non mi è successo. Poi ti è passata questa instabilità emotiva?
2

Daparox

13/04/2021 | Uomo | 24
paroxetina
Ansia
Efficacia 3
Quantità effetti collaterali 3
Gravità effetti collaterali 4
Facilità d'impiego 5
Ho preso il daparox a iniziare da 14anni e mezzo per un intensa ansia. Per alcuni mesi ho preso 20mg al giorno per poi scendere a 10mg.Ho proseguito fino a 18 poi ho eseguito una pausa, ma al ripresentarsi del problema ho ricominciato ad assumerlo fino a 24 anni (sempre 10mg). Sconsiglio di prenderlo durante l'adolescenza a lungo termine. Provoca un po' di difficoltà ses... leggi di piùsuali e spersonalizzazione. Che in quell'età mi ha reso difficile i rapporti interpersonali. Ora ho smesso e mi sono accorto di quanto mi togliesse. Il suo effetto tranquillizzante, lo fa, ma "tranquillizza" anche le sensazioni positive. Come pezza temporanea lo consiglio, come farmaco costante mi ha quasi rovinato la vita.
5

Zolpidem

28/03/2021 | Donna | 24
zolpidem
Ansia
Efficacia 5
Quantità effetti collaterali 1
Gravità effetti collaterali 1
Facilità d'impiego 5
Io posso dire che queste piccole goccine mi anno salvato la vita ,grazie a ció... riesco a dormire da sola ,un tempo dormivo con il pupazzo di harry potter ,e non riuscivo a dormire senza questo pupazzo ,é mi sentivo diversa ,da tutti proprio cattivo umore ,malessere perché mi sentivo diversa ,ora grazie al Sonirem ,sono riuscita a dormire da sola ,dormo senza il pupazzo ,... leggi di piùvado a scuola ,o gli amici e sono anche fidanzata ,é adesso posso ritornare a sorridere
2

Gabapentin

15/02/2021 | Donna | 43
gabapentin
Ansia
Efficacia 1
Quantità effetti collaterali 5
Gravità effetti collaterali 2
Facilità d'impiego 4
Me l'hanno prescritto per l'ansia già da diversi mesi, aumentandomi la dose a 300 +300....io non sento praticamente nessun miglioramento. Non ho effetti collaterali, ma vedrò di farmi prescrivere qualcos'altro.
2

Lyrica

15/02/2021 | Donna | 43
pregabalin
Ansia
Efficacia 4
Quantità effetti collaterali 2
Gravità effetti collaterali 2
Facilità d'impiego 5
Purtroppo, pur essendo abbastanza efficace, dopo quasi 3 mesi, ho capito che era questo medicinale a provocarmi forti sintomi da colon irritabile. Ho dovuto smettere, perché nulla mi ha aiutato contro il problema che mi causava, ed era piuttosto invalidante.
1

Zoloft

28/01/2021 | Donna | 35
sertralina
Ansia
Efficacia 1
Quantità effetti collaterali 4
Gravità effetti collaterali 4
Facilità d'impiego 5
Ho assunto Zoloft 20mg come primo psicofarmaco della vita per un anno, ma non mi sono trovata bene perché invece di rimettermi in piedi e motivarmi a fare mi ha sempre molto buttato giù, volevo dormire più che mai, non volevo mai uscire, insomma per me un flop!
5

Fluoxetina

28/01/2021 | Donna | 35
fluoxetina
Ansia
Efficacia 5
Quantità effetti collaterali 5
Gravità effetti collaterali 5
Facilità d'impiego 5
Prima di conoscere la fluoxetina, il mio psichiatra mi aveva prescritto lo Zoloft, fin da piccola soffro di ansia, depressione per varie vicende mie personali, ho conosciuto il mio primo psicologo ad 11 anni e ora ne ho 35, ancora oggi soffro di depressione e ansia, ma con la dose di 20mg al giorno di Fluoxetina mi sento riavere, sono più motivata, più serena e più attiva,... leggi di più cosa che con Zoloft era il contrario, mi addormentava totalmente, ma fortunatamente ho trovato il farmaco giusto per me!
4

Sonirem

16/01/2021 | Uomo | 24
zolpidem
Ansia
Efficacia 4
Quantità effetti collaterali 5
Gravità effetti collaterali 5
Facilità d'impiego 4
Utilizzò il sonirem da più di un mese . Inizialmente prendevo 14 gocce a notte , ora sono da due giorni che ho aumentato la dose a 16 gocce. Non riesco a farne a meno , nonostante le avvertenze del rischio di dipendenza che può provocare questo farmaco , me ne frego . Preferisco essere dipendente del sonirem che passare notti in bianco , influenzando negativamente la mi... leggi di piùa vita intima che professionale. Lo consiglio come farmaco.
4

Yasminelle

21/11/2020 | Donna | 33
etinilestradiolo / drospirenone
Ansia
Efficacia 2
Quantità effetti collaterali 1
Gravità effetti collaterali 1
Facilità d'impiego 5
Spero la mia recensione sia utile. Ho assunto Yasminelle per diversi anni dai 20 ai 26 circa senza riscontrare alcun problema, ho sospeso per diversi anni e ho deciso di riprendere dopo 18 mesi dalla nascita della mia bimba. Inizio il primo blister e inizia la minzione frequente, ansia, angoscia, tachicardia, attacchi di panico insomma sono stata molto male inoltre nella... leggi di più pausa non è arrivato il ciclo, dopo 2 settimane di ritardo ho fatto la visita dalla ginecologa che mi ha spiegato che questa pillola non andava più bene per il mio organismo e che spesso in questi casi ci sono disturbi dell’umore. Non voglio spaventare nessuna però ecco se vi sentite strane parlatene subito con la vostra ginecologa.
1

Depakin

13/10/2020 | Uomo | 38
sodio valproato / acido valproico
Ansia
Efficacia 3
Quantità effetti collaterali 2
Gravità effetti collaterali 2
Facilità d'impiego 4
ME LO HANNO PRESCRITTO PER RIDURRE L'USO DI LORAZEPAM , MA CON LE CONSEGUENZE AVUTE , SICURAMENTE CI SONO MODI MENO ARCAICI , EVITATELO!!!
4

Lorazepam

18/09/2020 | Uomo | 53
lorazepam
Ansia
Efficacia 4
Quantità effetti collaterali 3
Gravità effetti collaterali 4
Facilità d'impiego 4
anche per me è la stessa cosa: con il lorazepam tengo a bada ossessioni di autosvalutazione e fobia sociali. Mi piacerebbe corrispondere con te sull' argomento.
4

Paroxetina

17/09/2020 | Uomo | 30
paroxetina
Ansia
Efficacia 4
Quantità effetti collaterali 3
Gravità effetti collaterali 4
Facilità d'impiego 4
Sono un ragazzo di 30 anni, da tempo soffro di ansia al tal punto di non vivere più la mia vita in modo sereno! Sono 2mesi che assumo paroxetina,il medico mi ha fatto iniziare per due settimane con una dose da 10mg, per poi passare a 20mg.i primi tempi mi portava molta sonnolenza, mi stordiva e avevo anche più ansia.. Ma ora sto molto meglio l ansia è quasi sparita l unico... leggi di più effetto collaterale che noto di più è un ritardo nell eiaculazione avvolte anche più di un ora, però il desiderio non è diminuito!
5

Tavor

14/09/2020 | Uomo | 74
Lorazepam
Ansia
Efficacia 5
Quantità effetti collaterali 4
Gravità effetti collaterali 5
Facilità d'impiego 5
Da un po' di tempo soffro di ansia, senso di nodo in gola, inappetenza, irrequietezza generale, insonnia grave. Ho avuto anche un paio di terribili attacchi con affanno, tachicardia e tremori generalizzati in tutto il corpo. Dopo aver provato inutilmente farmaci tipo Lexotan, Xanax e Sereupin (che mi ha fatto stare malissimo per alcuni giorni), mi è stato prescritto Halcio... leggi di piùn 250 per dormire (funziona) e Tavor 1mg (1 compressa 3 volte al giorno). Il Tavor mi ha salvato la qualità della vita, mi sono sentito subito meglio, abbastanza tranquillo e sereno e ho dismesso anche l'Halcion, non avendone più bisogno. Lo psichiatra a cui mi sono rivolto mi ha diagnosticato: somatizzazione dell'ansia dandomi anche il Levobren (1cp al mattino). Ora dopo 2 mesi ho diminuito il Tavor : 1 cp al mattino e ½ cp al pomeriggio e ½ cp alla sera. Il Levobren dopo due mesi, l'avevo interrotto, ma mi era tornata l'inappetenza, quindi ora continuo a prenderlo. Diciamo che starei meglio con 2/3 cp al giorno di Tavor, ma voglio diminuire la dose e spero di farcela.
3

Depakin

31/08/2020 | Uomo | 50
sodio valproato / acido valproico
Ansia
Efficacia 3
Quantità effetti collaterali 3
Gravità effetti collaterali 3
Facilità d'impiego 4
Ciao sono andrea, prendo il depakin da diversi mesi per disturbi dell'umore . Per anni ho seguito diverse terapie. Ho riscontrato fin da subito, come effetti collaterali, dissenteria, dolori addominali, disturbi del sonno accompagnati da sogni continui molto reali . Non sò se altri condividono l mia stessa esperienza
2

Cipralex

28/08/2020 | Donna | 34
escitalopram
Ansia
Efficacia 2
Quantità effetti collaterali 3
Gravità effetti collaterali 5
Facilità d'impiego 3
Salve a tutti. Soffro di attacchi d'ansia fin dall'età dell'adolescenza, purtroppo non subito identificata. Ai tempi avevo degli attacchi di vertigini che potevano durare qualche ora o ripetersi nel giro di qualche giorno, poi passavano e tornavo alla mia vita. Al primo anno di università, questi episodi si rimanifestano e subentra una paura che si trascina all'infinito e... leggi di più mi porta verso una tendenza depressiva: paura ad uscire di casa, a prendere il treno, a muovermi da sola. Perdo interesse per ogni cosa, anche per lo studio. Il medico mi manda al centro psicosociale e mi viene prescritto Zoloft. Non mi viene consigliata nè raccomandata alcuna psicoterapia nè detto che all'inizio c'è una fase di assestamento durante la quale i sintomi peggiorano prima di migliorare. Ebbene, ho sperimentato attacchi di panico notturni tremendi per un po', poi ho cominciato a stare sempre meglio fino a sospenderla. Per alcuni anni sto bene, poi in concomitanza con un posto di lavoro in cui non stavo bene e trascorrevo intere giornate da sola in questo ufficio sperduto con un capo fatiscente ecco che l'ansia si rimanifesta. Il medico mi riprescrive Zoloft, altro giro altra corsa. Archiviato questo episodio, decido in autonomia di contattare una psicologa ed iniziare un percorso che mi dà serenità. Per qualche altro anno tutto bene. Nel frattempo compro casa, vado a convivere, mi sposo. Nel 2017, forte esaurimento nervoso dovuto a un grosso stress e sovraccarico lavorativo, sommato a insonnia prettamente dovuta ai ritmi/turni di mio marito e alla mia tendenza di voler avere tutto sotto controllo e strafare in quel periodo, riempiendo ogni singolo minuto del mio tempo per non pensare ai problemi, per scappare da essi o per soffocarli (mestieri, casa perfetta, sport mattina e sera). In quel caso, la psicologa dopo qualche mese di Lexotan per tamponare ma nessun miglioramento risolutivo suggerisce di iniziare una terapia con Escitalopram. Non mi manda da una psichiatra e mi suggerisce il dosaggio minimo. Il mio medico si limita a confermare e farmi la ricetta. L'inizio di un incubo trascinato per 3 anni. Il periodo iniziale tremendo, mi ritrovo derelitta a letto senza forze se non per alzarmi giusto a mangiare qualcosa in bianco, fastidio allucinante per la luce, dolori nervosi muscolari a collo, spalla sinistra che si irradiano verso il gomito e polpaccio sinistro. Continuiamo la psicoterapia ma l'approccio si dimostra troppo superficiale. Si agisce solo con colloqui ed alcuni consigli, non si va a fondo per analizzare eventuali traumi ed eventi che possano aver originato e alimentato la mia ansia fino a diventare patologica. La terapia viene protratta eccessivamente a quel dosaggio minimo (oltre 2 anni!) e per tutto quel periodo, dopo i benefici iniziali e la ripresa della normalità comunque avverto che non va tutto bene e non c'è un recupero del 100%. Ho ancora ansia, attesa angosciosa del weekend e di alcuni eventi (ad esempio la mia partecipazione a fiere o a qualche incontro... un'ansia anticipatoria fin da 2 settimane prima della data)... Sono spesso stanca e fiacca fisicamente, ho colite nervosa il sabato e la domenica, ho spesso quei dolori nervosi di cui sopra, che sono una somatizzazione. La psicologa prende molto sottogamba e anzichè vedermi più spesso e andare a fondo, mi vede sempre più di rado e dice di aggiornarla via whatsapp, archiviando queste crisi e insofferenze come fase di assestamento. Ma suggerendomi in concomitanza con questi eventi che mi mettono tensione di rimandare la sospensione della terapia. Nel momento in cui finalmente decidiamo di sospendere, passo 2 mesi "buoni" dopodichè ecco tornare l'ansia più forte di prima nelle vacanze di Natale. Un senso di solitudine e tristezza assurdo nei momenti della giornata in cui mio marito lavora ed io invece sono a casa da sola in ferie. Lei mi prende di nuovo sottogamba. Basta. Decido di rivolgermi ad un'altra psicoterapeuta con un approccio diverso, più pragmatico e approfondito. Iniziamo a lavorare insieme, subentra il lockdown e dopo soli 3 incontri dal vivo ci dobbiamo limitare a colloqui via skype. Sto male a lungo, ma con la psicoterapia e molta fatica va meglio. Finchè degli eventi esterni prendono il sopravvento e di nuovo mi abbandono all'ansia e allo sconforto, perdo appetito, voglia di fare, energie, il lavoro in smart working da casa in solitudine mi annienta nel momento in cui mio marito rientra alla normalità e rimango intere giornate lì... A giugno rientro anch'io a lavoro ma non reggo una settimana, sono molto provata e non ho più le forze per fare nulla. Insonnia e apatia mi annientano definitivamente, non ce la faccio più: decido con le ultime forze rimaste che ho bisogno di un aiuto farmacologico, ma che stavolta voglio andare da una psichiatra privatamente ed essere seguita come si deve dall'inizio alla fine. Mi prescrive di nuovo sertralina, 50 mg per un mese e poi 75mg, nell'ambito di un piano terapeutico e mettendosi in contatto con la mia psicoterapeuta attuale, con la quale si accorda per un lavoro in team. Per compensare gli effetti collaterali, Lexotan 3 volte al giorno, da scalare lentamente man mano che me la sento. A distanza di tanti anni, e grazie anche alle tecniche di gestione dell'ansia che questa dottoressa mi ha insegnato durante il lockdown ho tollerato di più la brutta fase iniziale della terapia. Non ho avuto attacchi di panico, solo molta irrequietezza e difficoltà a star ferma. Nel giro di un mese sono stata decisamente meglio e sono rientrata a lavoro. Mi è stato successivamente alzato il dosaggio a 75mg. Ho sentito un po' di "assestamento" anche in questo caso e i benefici mi sono sembrati meno consistenti rispetto a quelli che ho avvertito il primo mese, ma devo essere oggettiva: dopo una settimana di ferie in montagna che prima sarebbe stata completamente impossibile e che invece sono riuscita a farmi con mio marito, sono rientrata a pieno regime a lavoro e mi sto via via esponendo a tanti fattori stressanti che in passato mi hanno causato ansie ed insofferenze. E anche alla solitudine in casa, che sembra essere un fattore cruciale su cui lavorare. Il farmaco crea le condizioni a livello chimico favorevoli per stabilizzare umore e spegnere la spirale depressiva che si accompagna all'ansia. Ma non elimina l'ansia. Questa sono io e sono le mie difficoltà e paure che emergono man mano che riprendo in mano la mia vita. Le sto affrontando e sto proseguendo il lavoro di psicoterapia a tutto tondo, che è fondamentale ed è l'unico strumento che mi rassicura circa il fatto che stavolta ne uscirò. Questa persona ha captato dei traumi non superati del passato a cui io non davo più importanza ma che hanno inciso profondamente sul mio modo di pensare, di affrontare le paure e le difficoltà e di relazionarmi con gli altri e vivere gli affetti. Il lavoro su di me è molto doloroso a volte. Ma necessario. E per la prima volta nella vita non sono stata liquidata semplicemente con dei farmaci ma mi è stato insegnato che l'ansia è un'emozione che va e viene, che va accolta e lasciata scorrere, che bisogna farsela amica e non lottarci e metterla a tacere con mille distrazioni. A 34 anni non è facile, vorrei essere stata seguita così a suo tempo quando ero piccola e potevo risparmiarmi molta sofferenza... Ma continuo questo percorso. In conclusione mi sento di dire che il farmaco è un aiuto valido (somministrato nel modo giusto da chi è competente per deciderlo e aggiustare la terapia, e secondo un piano che va verificato di mese in mese) per poter lavorare sulle vere cause e sul problema in sè. Spero di uscirne più forte e, una volta sospesa la terapia, di poter continuare con la mia vita e realizzare il sogno di allargare la famiglia.
4

Sertralina

28/08/2020 | Donna | 34
sertralina
Ansia
Efficacia 4
Quantità effetti collaterali 3
Gravità effetti collaterali 5
Facilità d'impiego 5
Salve a tutti. Soffro di attacchi d'ansia fin dall'età dell'adolescenza, purtroppo non subito identificata. Ai tempi avevo degli attacchi di vertigini che potevano durare qualche ora o ripetersi nel giro di qualche giorno, poi passavano e tornavo alla mia vita. Al primo anno di università, questi episodi si rimanifestano e subentra una paura che si trascina all'infinito e... leggi di più mi porta verso una tendenza depressiva: paura ad uscire di casa, a prendere il treno, a muovermi da sola. Perdo interesse per ogni cosa, anche per lo studio. Il medico mi manda al centro psicosociale e mi viene prescritto Zoloft. Non mi viene consigliata nè raccomandata alcuna psicoterapia nè detto che all'inizio c'è una fase di assestamento durante la quale i sintomi peggiorano prima di migliorare. Ebbene, ho sperimentato attacchi di panico notturni tremendi per un po', poi ho cominciato a stare sempre meglio fino a sospenderla. Per alcuni anni sto bene, poi in concomitanza con un posto di lavoro in cui non stavo bene e trascorrevo intere giornate da sola in questo ufficio sperduto con un capo fatiscente ecco che l'ansia si rimanifesta. Il medico mi riprescrive Zoloft, altro giro altra corsa. Archiviato questo episodio, decido in autonomia di contattare una psicologa ed iniziare un percorso che mi dà serenità. Per qualche altro anno tutto bene. Nel frattempo compro casa, vado a convivere, mi sposo. Nel 2017, forte esaurimento nervoso dovuto a un grosso stress e sovraccarico lavorativo, sommato a insonnia prettamente dovuta ai ritmi/turni di mio marito e alla mia tendenza di voler avere tutto sotto controllo e strafare in quel periodo, riempiendo ogni singolo minuto del mio tempo per non pensare ai problemi, per scappare da essi o per soffocarli (mestieri, casa perfetta, sport mattina e sera). In quel caso, la psicologa dopo qualche mese di Lexotan per tamponare ma nessun miglioramento risolutivo suggerisce di iniziare una terapia con Escitalopram. Non mi manda da una psichiatra e mi suggerisce il dosaggio minimo. Il mio medico si limita a confermare e farmi la ricetta. L'inizio di un incubo trascinato per 3 anni. Il periodo iniziale tremendo, mi ritrovo derelitta a letto senza forze se non per alzarmi giusto a mangiare qualcosa in bianco, fastidio allucinante per la luce, dolori nervosi muscolari a collo, spalla sinistra che si irradiano verso il gomito e polpaccio sinistro. Continuiamo la psicoterapia ma l'approccio si dimostra troppo superficiale. Si agisce solo con colloqui ed alcuni consigli, non si va a fondo per analizzare eventuali traumi ed eventi che possano aver originato e alimentato la mia ansia fino a diventare patologica. La terapia viene protratta eccessivamente a quel dosaggio minimo (oltre 2 anni!) e per tutto quel periodo, dopo i benefici iniziali e la ripresa della normalità comunque avverto che non va tutto bene e non c'è un recupero del 100%. Ho ancora ansia, attesa angosciosa del weekend e di alcuni eventi (ad esempio la mia partecipazione a fiere o a qualche incontro... un'ansia anticipatoria fin da 2 settimane prima della data)... Sono spesso stanca e fiacca fisicamente, ho colite nervosa il sabato e la domenica, ho spesso quei dolori nervosi di cui sopra, che sono una somatizzazione. La psicologa prende molto sottogamba e anzichè vedermi più spesso e andare a fondo, mi vede sempre più di rado e dice di aggiornarla via whatsapp, archiviando queste crisi e insofferenze come fase di assestamento. Ma suggerendomi in concomitanza con questi eventi che mi mettono tensione di rimandare la sospensione della terapia. Nel momento in cui finalmente decidiamo di sospendere, passo 2 mesi "buoni" dopodichè ecco tornare l'ansia più forte di prima nelle vacanze di Natale. Un senso di solitudine e tristezza assurdo nei momenti della giornata in cui mio marito lavora ed io invece sono a casa da sola in ferie. Lei mi prende di nuovo sottogamba. Basta. Decido di rivolgermi ad un'altra psicoterapeuta con un approccio diverso, più pragmatico e approfondito. Iniziamo a lavorare insieme, subentra il lockdown e dopo soli 3 incontri dal vivo ci dobbiamo limitare a colloqui via skype. Sto male a lungo, ma con la psicoterapia e molta fatica va meglio. Finchè degli eventi esterni prendono il sopravvento e di nuovo mi abbandono all'ansia e allo sconforto, perdo appetito, voglia di fare, energie, il lavoro in smart working da casa in solitudine mi annienta nel momento in cui mio marito rientra alla normalità e rimango intere giornate lì... A giugno rientro anch'io a lavoro ma non reggo una settimana, sono molto provata e non ho più le forze per fare nulla. Insonnia e apatia mi annientano definitivamente, non ce la faccio più: decido con le ultime forze rimaste che ho bisogno di un aiuto farmacologico, ma che stavolta voglio andare da una psichiatra privatamente ed essere seguita come si deve dall'inizio alla fine. Mi prescrive di nuovo sertralina, 50 mg per un mese e poi 75mg, nell'ambito di un piano terapeutico e mettendosi in contatto con la mia psicoterapeuta attuale, con la quale si accorda per un lavoro in team. Per compensare gli effetti collaterali, Lexotan 3 volte al giorno, da scalare lentamente man mano che me la sento. A distanza di tanti anni, e grazie anche alle tecniche di gestione dell'ansia che questa dottoressa mi ha insegnato durante il lockdown ho tollerato di più la brutta fase iniziale della terapia. Non ho avuto attacchi di panico, solo molta irrequietezza e difficoltà a star ferma. Nel giro di un mese sono stata decisamente meglio e sono rientrata a lavoro. Mi è stato successivamente alzato il dosaggio a 75mg. Ho sentito un po' di "assestamento" anche in questo caso e i benefici mi sono sembrati meno consistenti rispetto a quelli che ho avvertito il primo mese, ma devo essere oggettiva: dopo una settimana di ferie in montagna che prima sarebbe stata completamente impossibile e che invece sono riuscita a farmi con mio marito, sono rientrata a pieno regime a lavoro e mi sto via via esponendo a tanti fattori stressanti che in passato mi hanno causato ansie ed insofferenze. E anche alla solitudine in casa, che sembra essere un fattore cruciale su cui lavorare. Il farmaco crea le condizioni a livello chimico favorevoli per stabilizzare umore e spegnere la spirale depressiva che si accompagna all'ansia. Ma non elimina l'ansia. Questa sono io e sono le mie difficoltà e paure che emergono man mano che riprendo in mano la mia vita. Le sto affrontando e sto proseguendo il lavoro di psicoterapia a tutto tondo, che è fondamentale ed è l'unico strumento che mi rassicura circa il fatto che stavolta ne uscirò. Questa persona ha captato dei traumi non superati del passato a cui io non davo più importanza ma che hanno inciso profondamente sul mio modo di pensare, di affrontare le paure e le difficoltà e di relazionarmi con gli altri e vivere gli affetti. Il lavoro su di me è molto doloroso a volte. Ma necessario. E per la prima volta nella vita non sono stata liquidata semplicemente con dei farmaci ma mi è stato insegnato che l'ansia è un'emozione che va e viene, che va accolta e lasciata scorrere, che bisogna farsela amica e non lottarci e metterla a tacere con mille distrazioni. A 34 anni non è facile, vorrei essere stata seguita così a suo tempo quando ero piccola e potevo risparmiarmi molta sofferenza... Ma continuo questo percorso. In conclusione mi sento di dire che il farmaco è un aiuto valido (somministrato nel modo giusto da chi è competente per deciderlo e aggiustare la terapia, e secondo un piano che va verificato di mese in mese) per poter lavorare sulle vere cause e sul problema in sè. Spero di uscirne più forte e, una volta sospesa la terapia, di poter continuare con la mia vita e realizzare il sogno di allargare la famiglia.
4

Lyrica

12/08/2020 | Uomo | 35
pregabalin
Ansia
Efficacia 4
Quantità effetti collaterali 4
Gravità effetti collaterali 4
Facilità d'impiego 4
Il lyrica è sicuramente un buon farmaco..ma con lo svanire di qualche mesetto finisce l efficacia . Va usato a dosaggi un po' strong...ma nn va giustamente alla radice del problema come tutti i farmaci
4

Stilnox

06/08/2020 | Uomo | 54
zolpidem
Ansia
Efficacia 4
Quantità effetti collaterali 5
Gravità effetti collaterali 5
Facilità d'impiego 4
Lo prendo da molto tempo e ha sempre funzionato, però solo per dormire, avrei bisogno di qualcosa che mi fa stare bene anche durante la giornata. Qualche consiglio? Grazie Fabio
5

Provigil

28/07/2020 | Uomo | 25
modafinil
Ansia
Efficacia 5
Quantità effetti collaterali 5
Gravità effetti collaterali 5
Facilità d'impiego 5
Salve sapete dirmi come posso reperire il provigil senza ricetta da un sito magari affidabile o anche da terzi in modo sicuro grazie a chi puó aiutarmi
1

Nuvaring

26/07/2020 | Donna | 24
etonogestrel / etinilestradiolo
Ansia
Efficacia 5
Quantità effetti collaterali 2
Gravità effetti collaterali 2
Facilità d'impiego 5
Ho iniziato utilizzato Nuvaring per 3 mesi. Il primo mese tutto bene, comodo, pratico, nessun affetto collaterale. Dal secondo mesa ho iniziato a stare male, nausea, tachicardia, sensazione di fiato corto, attacchi di ansia senza senso, forti mal di testa. Non avevo minimamente ricollegato tutto questo al Nuvaring, fino a quando questo stato di malessere aumentava di giorn... leggi di piùo in giorno e sono andata al pronto soccorso. Gli esami erano ok, non avevo nulla fisicamente ma mentalmente no. Ho deciso di informarmi e ho letto diverse recensioni che parlavano di questi sintomi e ho deciso di smettere. Ogni corpo reagisce a modo suo.. la cosa assurda è che se ne parla poco degli effetti collaterali psicologici.
1

Cipralex

20/07/2020 | Uomo | 32
escitalopram
Ansia
Efficacia 1
Quantità effetti collaterali 1
Gravità effetti collaterali 2
Facilità d'impiego 5
Ogni tanto avevo delle palpitazioni che mi portavano ad avere ansia (paura della paura ) tramite lo psicologo sono andato da una psiachiatra che mi ha prescritto cipralex 10 gocce, inizio da tre poi sei per arrivare a 10 gocce.. purtroppo non notavo miglioramento anzi.. e parlando con la psichiatra mi ha detto di tornare a 5 gocce che forse era troppo per me 10 gocce. Pass... leggi di piùato a 5 gocce sono stato malissimo!! E mi ha detto di ritornare a 10 gocce.. cioè di iniziare a mettere una goccia a settimana fini ad arrivare a 10 gocce! Insomma sono a 9 gocce e sto malissimo il mio calvario è iniziato il 10 maggio e ancora sto malissimo!! Mi sento morire dentro e le palpitazioni ci sono e anche di più. Non consiglio a nessuno questo farmaco anzi non consiglio questi tipi di farmaci.. sono spazzatura e ti rovinano.. ora sono a pezzi e sto cercando una via di uscita ma è dura!
4

Cipralex

15/07/2020 | Uomo | 55
escitalopram
Ansia
Efficacia 4
Quantità effetti collaterali 3
Gravità effetti collaterali 4
Facilità d'impiego 3
Sono in cura con cipralex 10 mg al giorno, sto cercando di tenere duro è la seconda settimana, la mia vita è un calvario, ansia a mille insonnia e stanchezza cronica, speriamo bene.. Per quanto riguarda chi dice che stava bene e poi ha sospeso, credetemi io la prenderei a vita pensate a chi prende, i farmaci per il cuore o diabete, poi chi se ne frega di dipendere da un fa... leggi di piùrmaco, almeno vivo, lavoro più serenamente.
4

Paroxetina

07/07/2020 | Uomo | 45
paroxetina
Ansia
Efficacia 5
Quantità effetti collaterali 4
Gravità effetti collaterali 4
Facilità d'impiego 5
Trovo la paroxetina un buon medicinale per l'ansia generalizzata; l'ho avuta in modo molto acuto con sintomi tostissimi come depersonalizzazione, attacchi di panico, ecc. vita inferno. Ho affrontato il problema con questo medicinale e con la terapia cognitivo comportamentale. da due anni e passa sono sereno sebbene abbia sempre combattuto con la sonnolenza quando dormo men... leggi di piùo di 7 ore e calo della libido. Prendo 10 gocce al dì (l'equivalente di 10 mg ovvero mezza compressa) e dovrei iniziare a rimuovere il medicinale… ne parlerò con il neurologo che mi ha seguito fin'ora
5

Brintellix

25/06/2020 | Donna | 31
vortioxetine
Ansia
Efficacia 4
Quantità effetti collaterali 4
Gravità effetti collaterali 5
Facilità d'impiego 5
Ho iniziato a soffrire di ansia a gennaio 2019. Affinché mi diagnosticassero il problema sono passati 2 mesi. Da marzo 2019 inizio la cura con britellix 10mg accompagnata da psicoanalisi. I primi giorni di assunzione ho avvertito una leggera nausea, scomparsa quasi subito. Dopo un anno di trattamento da 10mg sono passata a 5mg per 3 mesi. Adesso ho iniziato a scalare per l... leggi di piùasciare definitivamente il farmaco e non sto riscontrando nessun problema. sono sicura che brintellix mi abbia aiutata tanto, ma la maggior parte del lavoro è stato fatto da me e dalla mia voglia di uscirne fuori.
5

Paroxetina

06/06/2020 | Donna | 46
paroxetina
Ansia
Efficacia 5
Quantità effetti collaterali 5
Gravità effetti collaterali 5
Facilità d'impiego 5
Uso paroxetina mezza compressa solo al mattino dopo aver fatto colazione. Il motivo è ansia, dovuta principalmente alla menopausa in arrivo. Ho 46 anni.
5

Tadalafil

03/05/2020 | Uomo | 44
tadalafil
Ansia
Efficacia 5
Quantità effetti collaterali 3
Gravità effetti collaterali 5
Facilità d'impiego 4
Uso saltuariamente il Cialis 20 da oltre un anno (Tadalafil generico per la precisione, stesso effetto ad un costo più ridotto); per me il migliore, effetto quasi immediato e, soprattutto, con una durata anche fino a 3/4 giorni dall'assunzione (almeno per quanto riguarda la mia esperienza). Unico punto negativo è che spesso gli effetti indesiderati si protraggono anche nei... leggi di più giorni successivi all'assunzione del farmaco (mal di testa dopo qualche ora, mentre altri effetti tipo dolore muscolare, disturbi alla digestione e vampate di calore ho continuato ad avvertirli anche nei giorni successivi all'assunzione. Come efficacia però per me è il top!!!
3

Xanax

20/04/2020 | Donna | 57
alprazolam
Ansia
Efficacia 5
Quantità effetti collaterali 3
Gravità effetti collaterali 2
Facilità d'impiego 5
Io lo prendo al bisogno da 25 però mi deprime mi da fiacca e indebolimento
1

Cerazette

04/04/2020 | Donna | 22
desogestrel
Ansia
Efficacia 2
Quantità effetti collaterali 1
Gravità effetti collaterali 1
Facilità d'impiego 4
Ho avuto mancamenti di Aria, mal di testa, vista offuscata e attacchi di panico. QUESTA PILLOLA FA SCHIFO. Avevo e ho paura di addormentarmi la notte per paura che mi succeda qualcosa...🤘🏻
3

Paroxetina

14/02/2020 | Uomo | 20
paroxetina
Ansia
Efficacia 2
Quantità effetti collaterali 4
Gravità effetti collaterali 5
Facilità d'impiego 4
Salve a tutti! Degli eventi traumatici mi hanno scosso così tanto da farmi scaturire un’ansia da panico (così la chiama lo psichiatra) con diversi sbalzi di umore (depresso) ed ora è subentrata un’apatia tremenda con umore basso (sto sempre a casa,non ho voglia di uscire,non mi stimola niente) da premettere comunque che sono sempre stato un tipo ansioso ma con una voglia ... leggi di piùdi vivere al massimo! Da dopo quegli eventi non è così.. Lo psichiatra insieme ad altri due farmaci,mi ha prescritto DAPAROX compresse da 20 mg però ho iniziato con una dose bassissima (lo prendo da 10 giorni) i primi 4 giorni ne prendevo un quarto al giorno,dopo mezza e adesso mezza la mattina e quarto il pomeriggio fino a che salgo gradualmente,fino ad arrivare a una intera.. Lo psichiatra ha detto che ancora la dose è troppo poco per vedere benefici,anche perché è passato poco tempo..gli effetti collaterali si sono visti ma sopportabili..alle volte mi abbatto e penso “ma la cura è giusta?” “Ma torneró come a prima?”... mi hanno detto che i veri benefici si hanno dopo 2-3 settimane! Voi che mi sapete dire? Rimango fiducioso e aspettare?Aiutatemi a riflettere bene😂..
3

Daparox

14/02/2020 | Uomo | 20
paroxetina
Ansia
Efficacia 2
Quantità effetti collaterali 4
Gravità effetti collaterali 5
Facilità d'impiego 4
Salve a tutti! Degli eventi traumatici mi hanno scosso così tanto da farmi scaturire un’ansia da panico (così la chiama lo psichiatra) con diversi sbalzi di umore (depresso) ed ora è subentrata un’apatia tremenda con umore basso (sto sempre a casa,non ho voglia di uscire,non mi stimola niente) da premettere comunque che sono sempre stato un tipo ansioso ma con una voglia ... leggi di piùdi vivere al massimo! Da dopo quegli eventi non è così.. Lo psichiatra insieme ad altri due farmaci,mi ha prescritto DAPAROX compresse da 20 mg però ho iniziato con una dose bassissima (lo prendo da 10 giorni) i primi 4 giorni ne prendevo un quarto al giorno,dopo mezza e adesso mezza la mattina e quarto il pomeriggio fino a che salgo gradualmente,fino ad arrivare a una intera.. Lo psichiatra ha detto che ancora la dose è troppo poco per vedere benefici,anche perché è passato poco tempo..gli effetti collaterali si sono visti ma sopportabili..alle volte mi abbatto e penso “ma la cura è giusta?” “Ma torneró come a prima?”... mi hanno detto che i veri benefici si hanno dopo 2-3 settimane! Voi che mi sapete dire? Rimango fiducioso e aspettare?Aiutatemi a riflettere bene😂..

Malattie con il maggior numero di opinioni

Depressione (505)
Ansia / attacchi di panico (428)
Contraccezione / anticoncezionali (213)
Pressione alta/ipertensione (175)
Allergie (151)
Acne/brufoli (139)
Ipercolesterolemia (colesterolo alto) (138)
Insonnia (135)
Ansia (122)
Emicrania (119)
Smettere di fumare (117)
Attacchi di panico (114)
Depressione cronica (109)
Disturbi bipolari/attacchi maniaco-depressivi (104)
Epilessia (104)
Asma (101)
Diabete tipo 2 (90)
Psicosi (81)
Ipertensione (65)
Bronchite (63)
COVID-19 (61)

disclaimer  Le valutazioni su questa pagina sono contenuti generati dagli utenti, letti e revisionati prima dell'approvazione per soddisfare i nostri standard di valutazione dei farmaci. Non chiediamo di dimostrare alcuna conoscenza medica ai nostri utenti quando descrivono le loro esperienze. In questo modo, le opinioni e le esperienze descritte riflettono solo il loro punto di vista e non quello dei proprietari del sito web. Ricorda che queste esperienze differiscono da persona a persona e che deve sempre contattare il medico o il farmacista per un consiglio sui farmaci.